Cronaca del '700

I terremoti, gli intrighi, i litigi e una sequela di omicidi eccellenti nella decadenza del baliaggio di Sant'Eufemia

I terremoti, gli intrighi, i litigi e una sequela di omicidi eccellenti nella decadenza del baliaggio di Sant'Eufemia.

 

di Giuseppe Ruberto

Breve PREMESSA: L’Ordine degli Ospedalieri di San Giovanni di Gerusalemme nacque dagli interessi comuni tra la Monarchia angioina e il Papato. Tra esse si stabilì un rapporto di fiducia permettendo agli adepti di fare carriera grazie a legami di tipo familiare che li univa a Papi e Maestri dell’Ordine. L’ascesa dell’Ordine fu determinata non solo in termini di patrimonio e prerogative, ma anche dalla presenza di fratres francesi e provenzali nelle domus del Mezzogiorno d’Italia.

baliaggio1

Leggi tutto: I terremoti, gli intrighi, i litigi e una sequela di omicidi eccellenti nella decadenza del...

Il declino di S.Eufemia del Golfo e l'esodo dei suoi abitanti

Il declino di S.Eufemia del Golfo e l'esodo delle famiglie nella vicina Sambiase

 

di Giuseppe Ruberto

La cronaca ci riporta nei giorni 27 e 28 marzo del 1638 (vigilia della festa delle Palme) dove, a causa di una scossa, tellurica perirono in Calabria tra le 10 mila e le 30 mila persone . L’antica Abbazia Benedettina che era stata fondata tra il 1062 ed il 1065 sui resti un monastero bizantino dedicato a S. Eufemia martire di Calcedonia, cadde in rovina. La stessa era fin dal 1300 tenuta dall’Ordine degli Ospedalieri di S. Giovanni di Gerusalemme, il quale Ordine, dal 1529 fu rinominato col nome di Ordine dei Cavalieri di Malta.

vetere1

Leggi tutto: Il declino di S.Eufemia del Golfo e l'esodo dei suoi abitanti

Catasto Onciario anno 1746

Il Catasto Onciario di Sambiase 1746(1)

di Giuseppe Ruberto

onciariocarlo"E Re Carlo asceso al trono vide da vicino i mali onde erano gravati i poveri e provvide ad alleviare le gravezze con due salutari provvedimenti: nel 1737 rimise ai comuni ogni debito fiscale arretrato ed in considerazione che nella determinazione del tributo che si prelevava dalle università si teneva conto del numero dei fuochi, fissò in perpetuo il carico dei fuochi del Regno, malgrado l'accresciuta popolazione, in 368.378 e non più in 394.721. Quindi per proporzionare il pagamento delle funzioni fiscali, non essendovi altro mezzo più idoneo per l'accertamento delle capacità contributive del singolo impose la formazione del catasto in tutte le università ".

Leggi tutto: Catasto Onciario anno 1746

Il Baliaggio di S.Eufemia

Il Bastione di Malta (1)

Il decadimento del baliaggio Gerosolimitano di Sant'Eufemia(2)

di Pasquale Sposato(3)

Dal 1748, dopo la morte del balì Girolamo Statella, titolare del baliaggio gerosolimitano di S. Eufemia era Francesco Pappalettere, il quale, ob suam nimium ingravescentem aetatem, non vi pose mai piede,rimanendo a Malta. Con contratto del 19 ottobre 1750 il baliaggio fu affittato(4), non senza maneggi, al " Ven.le Balì Fr. Francesco Parisio, e Cav.re Fr. Giuseppe suo Fratello, per la loro vita naturale durante , e di ciascuno di essi da cominciare il primo maggio 1751, con la facoltà al superstite di essi di poter nominare nell'affitto di detto baliaggio uno della famiglia Parisio.. ".

Leggi tutto: Il Baliaggio di S.Eufemia

Nocera un feudo in rivolta (1750-1790)

balinocera

Episodi di malvivenza a Nocera feudo ecclesiastico del baliaggio gerosolimitano di Sant'Eufemia nella metà del Settecento(1)

di Pasquale Sposato


Una generica e sommaria ricostruzione di tali episodi ci è fornita, anzitutto, dalla "Relazione dello stato del Baliaggio, fatta nell'anno 1751.. " da due cavalieri gerosolimitani francesi, Fr. Martino de Charmailles e Fr. Antonio de Saintoven.

Leggi tutto: Nocera un feudo in rivolta (1750-1790)

1726: La lite tra il Vescovo di Nicastro ed i frati Minimi di S.Biase

Anno domini 1726

La lite
tra il Vescovo di Nicastro
ed i frati Minimi di Sambiase

La vicenda è stata possibile ricostruirla grazie ad una ricerca effettuata da Antonio Raffaele il quale nel suo articolo(1) scrive a tal proposito: "questo episodio è stato dimenticato dai cronisti locali volutamente in quanto molto spesso con mano furba ed intelligente o di un'accorta persona, han fatto perdere per sempre, distruggendole, carte ritenute forse troppo compromettenti ".

Leggi tutto: 1726: La lite tra il Vescovo di Nicastro ed i frati Minimi di S.Biase

free template joomla 2.5